Terapie fisiche

Tecar terapia: La tecarterapia è una nuova forma di terapia che riattiva i naturali processi riparativi e antinfiammatori senza proiezione di energia radiante dall'esterno: i tessuti vengono sollecitati agendo dall'interno. La tecarterapia garantisce tempi ridotti, risultati veloci e soprattutto stabili, perché basati sulla stimolazione e il rafforzamento delle intrinseche capacità riparative dei tessuti. Alcune tra le patologie che si possono trattare con la Tecarterapia: Lesioni traumatiche acute, Rachialgie, Postumi di fratture, Artropatie da malattie autoimmuni, Mialgie, Deficit articolari, Quadri degenerativi, Stiloidite radiale, Sindrome del tunnel carpale, Rizoartrosi, Epicondilite, Epitrocleite, Sindrome della cuffia dei rotatori, Capsuliti retrattili, Sindrome da conflitto sub-acromiale, Cervicalgia, Cervicobrachialgia, Lombalgia, Lombosciatalgia, Periartrite coxo-femorale, Coxalgie/coxartrosi, Patologie adduttorie, Gonartrosi, Tendinite rotulea, Cisti di Backer, Distorsione tibio-tarsica, Tendinite achillea, Fascite plantare, Metatarsalgia. La Tecarterapia è largamente utilizzata nel mondo dello sport per ridurre e prevenire, in fase di preparazione atletica, l'incidenza di traumi, esigenza molto sentita nell'ambito della medicina dello sport per far fronte alle problematiche degli atleti, spesso sottoposti a sovraccarichi biomeccanici ed articolari dovuti ad allenamenti sempre più pressanti. 

 

Laserterapia: il laser è una sorgente di onde elettromagnetiche con indicazione terapeutica per processi infiammatori, lesioni muscolo – tendinee e anche per problematiche dermatologiche

 

Ultrasuonoterapia: gli ultrasuoni sono delle vibrazioni meccaniche ad alta frequenza (al di sopra dell’udibile) le quali attraverso gel o acqua vengono fatte penetrare nella parte lesa; utilizzate su calcificazioni, ematomi, patologie muscolo – tendinee o per l’introduzione di farmaci attraverso i tessuti (fonoforesi).

 

Correnti TENS, Correnti Diadinamiche: utilizzo della corrente elettrica nelle sue diverse modulazioni a scopo antalgico, antidolorifico, riduzione del dolore e quindi anche di certi tipi di contratture.

 

Correnti Interferenziali: utilizzo dell’incrocio/interferenza tra due circuiti elettrici, quindi con possibilità di stimolazione muscolare e soprattutto riduzione del dolore in profondità piuttosto che in superficie.

 

Elettrostimolazione muscolare: utilizzo della corrente elettrica al fine di indurre una contrazione muscolare per rinforzo o recupero post - trauma.

 

Ionoforesi: utilizzo della corrente elettrica per veicolare all’interno della parte lesa il principio attivo di diversi tipi di farmaci.

 

Termoterapia, Infrarossi: tecnica terapeutica che utilizza il calore al fine di ottenere effetti utili al processo riabilitativo mediante, ad esempio, una lampada ad infrarossi; utilizzata in caso di contratture, rigidità muscoloscheletrica o articolare, ecc…

 

Magnetoterapia: La magnetoterapia è l’impiego dei campi magnetici pulsati a bassa frequenza,oppure l’impiego di emissioni elettromagnetiche complesse ad alta frequenza,con finalita’ di curative. La magnetoterapia è particolarmente utilizzata per combattere condizioni di squilibrio e infiammazione che generano dolore come ad esempio problemi ossei, articolari e dolori nevralgici. La capacità delle onde elettromagnetiche di intervenire sui tessuti biologici può essere sfruttata anche per l'osteoporosi, per lenire il dolore (da traumi, post-operatorio o cronico, come quello legato all'artrosi), per il riassorbimento degli edemi e per accelerare i processi di cicatrizzazione delle ferite e soprattutto quando, a seguito di fratture, c'è un ritardo nella formazione del callo osseo.

 

Pressoterapia: La Pressoterapia è un efficace trattamento di compressione meccanica per ripristinare la funzionalità circolatoria venosa e linfatica aiutandone la circolazione locale riducendo il gonfiore (edema), la tensione muscolare, lo stress e il dolore. La pressoterapia viene quindi considerata un vero e proprio procedimento disintossicante e rivitalizzante per ossigenare i tessuti.